Eco Strutture

Tenuta Odetrigia
Hotel Lovere Resort & Spa
Burja
Cà ad Col Fiurì
Casina Badoer
La Campagnetta
 
Tutte le eco strutture

Eco Guide

Guida Eco-Wellness FREE!
Milano Eco-Shop 2012 FREE!
Liguria: Varese Ligure e Val di Vara
Umbria-Spoleto Ecosostenibile
Puglia: Salento Ecosostenibile
Il Sud della Sardegna Ecosostenibile
 
Tutte le Eco Guide

Eco News

Giornata del Trekking Urbano 2014

a cura di Alessia Sacchetti

 

Un nuovo modo di fare turismo sta, letteralmente, prendendo piede nelle città. Si tratta del trekking urbano, una pratica sempre più diffusa per fare del turismo sostenibile e riscoprire l’arte e le storie che si celano nei nostri centri urbani.

Continua a leggere ...
Il potenziale dei lavori “verdi”

Stamattina alla Camera di Commercio di Milano sono stati presentati numeri interessanti sullo sviluppo in Lombardia dei Green Jobs.

Continua a leggere ...
Agli Italiani piace l’usato

 

L'indagine Doxa, realizzata per Subito.it, dice che il 44% degli Italiani sceglie l'usato per passione, unicità, eco-sostenibilità e risparmio.

Continua a leggere ...
Cibi che forse non mangeremo domani

 

Formaggi, sale, frutta, salumi…fino al 31 ottobre a Torino in piazza Carignano, Oliviero Toscani racconta  con le sue immagini la storia dei prodotti salvati dall’Arca del Gusto di Slow Food (tutte le foto sono di Oliviero Toscani).

Continua a leggere ...

Eco Strutture

Azienda Agricola Biologica Poderaccio - Toscana

Struttura Convenzionata English Version

Tra caprioli e viti maritate

di Maddalena Stendardi

 

“Le persone che vengono qua conducono una vita famigliare: si siedono a tavola con noi, condividono, se vogliono, il lavoro - in questi giorni, per esempio, stiamo preparando la pomarola - cucinano con i prodotti dell’orto offerti da noi…”

 

Sono queste le parole di Francesca Bellacci, coraggiosa imprenditrice agricola che ha acquistato un podere mezzadrile con casa colonica del ‘700, l’ha ristrutturata e suddivisa in quattro appartamenti, di cui uno accessibile ai disabili, e ha iniziato a lavorare la terra producendo olio, frutta e verdura biologici certificati ICEA. Siamo al Poderaccio, nelle colline tra il Chianti e il Valdarno Superiore, in Toscana, naturalmente.

 

La ristrutturazione ha seguito i canoni della sostenibilità: materiali naturali, recupero dei particolari architettonici originali, riutilizzo dei materiali delle demolizioni e impiego di prodotti di bioedilizia e di filiera locale.

 

Armonia tra produzione e ambiente

 

Il riscaldamento funziona con la legna del bosco di proprietà, pannelli solari riscaldano l’acqua e il fotovoltaico produce energia necessaria all’azienda agricola.

 

Due cisterne interrate, di 10 metri cubi l’una, raccolgono acqua piovana per innaffiare l’orto. L’acqua sanitaria, utilizzata nella casa, arriva da un pozzo ed è potabilizzata, di modo che si possa bere.

 

“Nessuna discussione sul biologico”, ci dice Francesca, “il rispetto della terra è talmente forte che non ho mai pensato ad altre scelte. Ho sempre voluto conciliare produzione e sostenibilità ambientale. E l’investimento sta dando il suo ritorno!”.

 

L’agriturismo è associato con FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) e dà riparo e strumenti per chi ha la bici.

 

Una volta al mese Francesca tiene un laboratorio per fare il pane, con grani di varietà antiche e lievito madre, e cuocerlo nel forno a legna.

 

Altri laboratori sono tenuti in collaborazione con Circuito Corto, associazione di famiglie che promuovono buone pratiche sostenibili di auto-produzione come il feltro, le candele, il sapone, oppure corsi di cucina tradizionale.

 

I bambini hanno una stanza da giochi tutta per loro e un menu dedicato.

 

Piante in adozione

 

Chi vuole può adottare una vite maritata o una pianta secolare per un anno e ottiene in cambio una cesta di frutti di varietà antiche, una bottiglia di vino del Poderaccio, una confettura di frutta: un’idea davvero originale!

 

E’ a disposizione, su richiesta, un servizio per prendere e riaccompagnare gli ospiti che arrivano all’aeroporto di Firenze o di Pisa o alla stazione ferroviaria di Incisa Valdarno, la più vicina all’agriturismo.

 

In reception si trovano cartine di percorsi da fare a piedi o in bicicletta, e si organizza la visita aziendale e delle colline dei dintorni. Abbondano anche le informazioni su attività culturali, fiere, mercatini, ristoranti, supermercati e sulle città d’arte vicine al Poderaccio, aperto tutto l’anno.

 

Ma, soprattutto, Francesca ci dà la possibilità di avvistare, dalle finestre della casa colonica, i caprioli che brucano pacificamente, tranquilli nel loro ambiente!

 

Poderaccio

Via San Michele 15 loc. S. Michele

Incisa Valdarno (FI)

Tel. 348 7804197

info@agripoderaccio.it

www.agripoderaccio.it